Amate voi stessi e amerete il mondo

Messaggi dai maestri:

Come voi leggete il mondo fuori di voi è il mondo dentro di voi, tutto ciò che sperimentate ciò che vivete le situazioni che incontrate sono proiezioni di ciò che dentro di voi si muove e vi porta a viverle per poter comprendere proprio ciò che esiste in voi. Le persone che vi circondano vi portano messaggi buoni o cattivi ma sono messaggi che voi stessi vi mandate attraverso gli altri attraverso coloro che hanno scelto di ricoprire quel ruolo. Il Mondo è il vostro specchio.
Amate voi stessi e amerete il mondo70721731_122809782436104_6439230440082505728_n

Messaggi dai maestri

Comprendere profondamente ciò che accade nella vita di ognuno di voi è qualcosa che nel suo essere complicata è difficile nell’accettazione può portarvi a cambiare radicalmente ciò che siete raggiungendo quel luogo dove siete più voi stessi e comprendendo che la vostra essenza è in ciò che sentite e non in ciò che pensate.

Rimanere nel silenzio del cuore che tutto sa è la strada per riconoscere la luce che brilla dentro di voi.

Il percorso da fare non è mai semplice perché forti dubbi e paure vi attanagliano ma con la forza della volontà di chi siete veramente gli ostacoli superate e la parte divina di voi incontrerete.

Siate voi stessi nella presenza del voi divino.

Libro per bambini

Circa tre anni fa ho scritto un libro per bambini, un libro che mi è venuto dal cuore come se avessi l’esigenza il bisogno di scriverlo. Ai tempi non avevo ancora fatto l’iniziazione alla lettura dei registri akashici ma se ripenso a quel giorno la sensazione forse che avevo era di connessione a qualcosa o qualcuno che voleva che io scrivessi questo libro.

Così ho buttato giù quello che mi arrivava e nel giro di poco il libro era lì fatto, poi ho aggiunto i disegni anch’essi mi sono arrivati come un’ispirazione, un’intuizione.

Per me è stata un’esperienza molto bella in cui ho messo molto di mio e della mia creatività.

Racconta qualcosa che per me è stato fondamentale capire e fare mio … l’anima scende sulla terra sceglie i propri genitori e fa un percorso di comprensione di se attraverso l’esperienza fisica di un corpo. Si parla di scintilla divina, di albero della vita, di chakra… il tutto in un modo semplice e comprensibile a un bambino…

Akasha

Akasha che in Sanscrito significa “la luce immanente che impregna i mondi”, è il primo dei cinque elementi di cui è fatto l’universo. Troppo sommariamente viene tradotto con etere, in Hindi Akash significa il Cielo inteso come spazio luminoso.

Nel misticismo Hindu, Akasha è ritenuto il principio originario della natura, da cui sono creati gli altri quattro principi, fuoco, aria, terra e acqua. Questa “materia intelligente” o meglio “pellicola invisibile” è la vibrazione energetica primaria (suono) che si trasforma in luce, immagini, forme e simboli che la mente riconosce e codifica.

E’ una “sostanza” talmente sottile e onnipresente che tutto quanto accade “da qualche parte”, in qualsiasi luogo esistente, vi resta automaticamente impresso.

E’ facile comprendere che sia una “sostanza” in continuo mutamento e trasformazione e di quanto i nostri pensieri e azioni incidano su essa.

L’Akasha è nell’ essere umano, per questo quando eleviamo la frequenza vi abbiamo accesso.

Fonte: Cristina Vignato

Space background with gravitational lensing

Il nutrimento

Questo post l’ho scritto qualche mese fa …

Poco più di tre mesi fa sono nate Costanza e Vittoria le mie ultime figlie… sono nate dopo una gravidanza impegnativa e faticosa oltre che dal punto di vista fisico dal punto di vista psicologico… la gravidanza è stata piena di momenti difficili di paure grandi e di notizie inattese e a volte incomprensibili… ho passato o meglio abbiamo passato momenti davvero impegnativi che si sono conclusi in un cesareo e nella nascita di queste sue fantastiche creature che in poco tempo sono entrate a far parte della nostra famiglia come se ci fossero da sempre… io mi sono adoperata molto per riuscire ad allattarle, ci tenevo parecchio e ora dopo 3 mesi di allattamento misto sono strafelice perché riesco a nutrirle solo del mio latte… non pensavo che sarei riuscita a togliere la giunta e anzi era convita che andasse bene così già felice di riuscire a contribuire alla loro crescita e invece ce l’ho fatta! E vorrei che questa mia testimonianza aiutasse tutte le donne che scelgono di allattare e che spesso non vengono aiutate o vengono denigrate perché usano anche il latte artificiale o quelle che non sanno a chi rivolgersi quando decidono di allattare ma hanno difficoltà… ecco io mi sono sempre fatta aiutare da un’amica ostetrica che per tutte e tre le volte che ho voluto allattare mi ha dato le giuste dritte e il giusto sostegno e da cui sento tutto l’appoggio che ogni donna dovrebbe avere nei primi mesi del post parto… si chiama Angela Dinoia e senza di lei probabilmente non avrei allattato o avrei certamente fatto molta più fatica e probabilmente non sarei riuscita a togliere il latte artificiale alle gemelle… allattare per me è appunto nutrire e vedere crescere il proprio figlio attraverso ciò che posso donare e questo per me è impagabile…

Maternità e Realizzazione

Maternità e realizzazione sono due parole che a volte sembrano in contrasto, oggi con quattro figlie sento questa lotta interna molto forte e questo mi mette in difficoltà mi fa sentire affaticata ma felice, stanca ma piena di gioia a volte mi fa sentire dolorante ma speranzosa… questo perché fare la madre oggi, come  la faccio io, volendo essere molto presente e potendo esserlo ma rilegando il lavoro o la mia espressione a0babc213-d248-4a87-8607-a37cf10ae05b momenti fugaci di quel tempo che sembra non bastare mai, mi porta a essere in alcuni momenti frustrata e arrabbiata perché non sempre è possibile fare tutto ciò che ci si prefissa, ma se mi fermo e lascio che le cose prendano il loro spazio la loro dimensione e non oppongo resistenza a qualcosa che in ogni caso non potrei cambiare e riesco ad accettare tutto come quello che è cioè giusto per me ecco se ci riesco poi sono felice.

Ma oggi che sono nel momento più difficile dalla nascita delle gemelle mi rendo conto che ascoltando il mio cuore ascoltando ciò che profondamente desidero ciò che posso fare è sempre affidare e credere che tutto andrà bene.

Ho ricominciato da quest’estate nella mia attività di lettura dei registri akashici e con grande gioia mi sono resa conto che quella connessione rimane sempre potente e reale e che attraverso i messaggi che ho potuto ricevere ho aiutato alcune persone e questo mi fa sentire bene e mi f rendere conto che questo dono va utilizzato.

Sono a servizio

 

Maria Maddalena

https://youtu.be/wNXwG9p8KTA

Sabato sono andata al cinema con mia mamma a vedere Maria Maddalena… da quando ho visto il trailer di questo film mi sono sentita profondamente attratta da questa figura femminile forte e consapevole.

Sono andata al cinema aperta a vedere questo film come una rivelazione e in effetti una rivelazione c’è stata… Maria Maddalena rappresenta in carne e ossa il potere del femminile sacro, essere connessa fortemente a se stessa a a qualcosa di più grande talmente connessa da riconoscere in Gesù un maestro potente e divino.

Maria di Magdala mi ha fatto comprendere come dentro ogni donna c’è lei con la sua forza la sua purezza e l’amore incondizionato che tutte noi possiamo provare se ci diamo l’autorizzazione a farlo.

Iniziando da noi… rispettarsi amarsi accertarsi e essere libere.

La frase finale del film parla di coraggio, il grande coraggio che lei ha avuto dopo aver visto Gesù resuscitato è stato andare dagli apostoli e dire: il regno di Dio è già qui, il mondo cambierà se noi cambieremo.

Mi sono commossa più volte durante il film e credo che quella storia quelle parole quelle immagini e i gesti rimarranno con me per molto tempo.

Luce

Domenica ho partecipato a un seminario tenuto da Laura Garini (www.scintilladiluce.com) la protagonista di questo seminario era la Luce, Luce intesa come fonte divina, Dio, Creatore, quel tutto da cui tutti proveniamo e a cui tutti torneremo.

Durante il seminario ho avuto l’opportunità di collegarmi a quella fonte divina fonte di luce e amore che attraverso il mio cuore o scintilla divina mi ha fatto sentire quanto quel luogo che mi sembra spesso molto lontano è qui sempre vicino o meglio dentro di me.

Potersi collegare a quella fonte per me è l’opportunità di chiedere di ripulire e guarire delle ferite che ancora dentro di me ci sono, ma anche di benedire e portare amore nei luoghi più oscuri di me stessa e nelle relazioni più complicate.

E’ uno strumento davvero potente che sempre di più mi fa comprendere come a volte nel mondo quotidiano ciò che continua a riproporsi è qualcosa che va visto e affrontato e che a volte l’unico modo per portare vera guarigione e comprensione di ciò che accade è affidarla a qualcosa di più grande di me e alla parte di me più vicina a quella fonte divina.